SISMA BONUS 2018: le novità | Schiesaro Indoor & Outdoor Solutions

Sisma Bonus: agevolazioni per chi adotta misure antisismiche

pergolato in alluminio
Pergolato in alluminio: la soluzione ottimale 12 mesi l’anno
06/16/2018
sostituzione infissi ecobonus 2018
Sostituzione infissi: Ecobonus 2018
07/11/2018
Sisma Bonus

Sisma Bonus 2018: le detrazioni

Tutte le indicazioni sulle detrazioni previste per coloro che eseguono interventi volti alla prevenzione e sicurezza antisismica previste dal Sisma Bonus

Oggi torniamo a parlare di normative e in particolare ci occupiamo del Sisma Bonus per capire bene quanto è stato disposto dalla Legge di Stabilità 2018 in merito.

L’incentivo all’adozione di interventi con valenza antisismica ha come obiettivo la sensibilizzazione verso i problemi di stabilità delle strutture; in caso di calamità naturali devono essere nelle migliori condizioni possibili per salvaguardare al meglio l’incolumità di persone e cose. In questo direzione, sebbene l’introduzione di questa agevolazione non sia una novità dell’ultima legge di stabilità, va letta la decisione di allargare la possibilità di usufruire delle detrazioni anche per aziende e capannoni industriali.

Che cos’è il Sisma Bonus

Il Sisma Bonus è un’agevolazione fiscale che consente di portare in detrazione una percentuale sulle spese sostenute per interventi volti a migliorare le condizioni di sicurezza in caso di sisma delle strutture architettoniche.

Del Sisma Bonus possono usufruire tanto i privati tanto le attività produttive e in entrambi i casi l’agevolazione, entrata in vigore a gennaio 2018, resterà in corso di validità fino al 31 dicembre 2021.

Con l’ultima legge di Stabilità sono state introdotte importanti novità sulle detrazioni per questa tipologia d’interventi, partendo dalla ripartizione per gravità di rischio sismico delle aree geografiche del nostro paese. Con le disposizioni in merito alle detrazioni fiscali infatti sono state messe a punto anche le ” linee guida per la classificazione sismica degli edificiil testo attuativo che suddivide in 8 classi di rischio le strutture architettoniche: dalla A+ che indica le aree a minor rischio, fino alla G considerate la più critiche, sulla base di questa ripartizione avranno essere progettati tutti gli interventi antisismici sulle strutture.

Come funziona il Sisma Bonus 2018

Primo passo fondamentale quindi sia per i privati sia per le aziende per poter usufruire delle agevolazioni sarà l’incarico a un professionista che valuti la classe di rischio dell’edificio e sulla base di essa progetti gli interventi da eseguire sulla struttura  per accedere a una classe di rischio inferiore.

Secondo il Sisma Bonus dunque le imprese e le famiglie che entro il 31 dicembre 2021 realizzeranno interventi sulle strutture architettoniche seguendo questi criteri, potranno detrarre di base il 50% delle spese sostenute e raggiungere

  • una detrazione pari al 70%, calcolata su una spesa massima di 96.000 Euro, se gli interventi consentiranno il passaggio a una classe di rischio inferiore rispetto alla condizione di partenza
  • una detrazione pari all’80%, calcolata su una spesa massima di 96.000 Euro, se gli interventi consentiranno il passaggio a due classi di rischio inferiori rispetto alla condizione di partenza

Per i condomini in caso di interventi sulle parti comuni o sullo stabile intero per la riduzione del rischio sismico, spetta:

  • una detrazione pari al 75% se gli interventi consentiranno il passaggio a una classe di rischio inferiore rispetto alla condizione di partenza
  • una detrazione pari all’85% se gli interventi consentiranno il passaggio a due classi di rischio inferiori rispetto alla condizione di partenza

Il tetto dei 96.000 Euro è da considerarsi su ogni unità immobiliare che compone l’edificio.

Quali spese possono essere detratte

Nelle spese detraibili rientrano tutti gli interventi sulla struttura che sono riconducibili alla sua messa in sicurezza, incluse le prestazioni professionali, fra questi :

  • Verifiche per la classificazione sismica degli immobili
  • La progettazione degli interventi da eseguire
  • Acquisto dei materiali per le opere
  • Perizie e sopralluoghi per la verifica delle conformità
  • L’IVA, le imposte sui bolli e quanto dovuto per il rilascio delle autorizzazioni

Possono usufruire del Sisma Bonus tutti i contribuenti assoggettati all’IRPEF, Imposta sul reddito delle persone fisiche, oppure nel caso delle aziende, all’IRES, Imposta sul reddito delle società, impegnati in lavori di messa in sicurezza nella zona 1 e 2 ad altissimo rischio e anche nella zona 3 a medio rischio. È importante ricordare che possono usufruire del Sisma Bonus non solo i proprietari degli immobili ma anche coloro che sono titolari di un diritto reale su di esso.

Condividi